Esclusa l’iscrizione alla gestione commercianti del socio amministratore

Con la recente Ordinanza n. 21669 del 19 settembre 2017, la Corte di Cassazione ha chiarito che la partecipazione personale e abituale all’attività operativa aziendale costituisce l’elemento essenziale che integra l’obbligo di iscrizione alla gestione previdenziale commercianti del socio amministratore di società commerciali.

FATTO


L’Inps ha contestato la mancata iscrizione alla gestione commercianti e, quindi, il mancato pagamento dei contributi, al socio amministratore di due società a responsabilità limitata che svolgono attività commerciale.
In relazione alla controversia, la Corte d’Appello ha riconosciuto l’obbligo di iscrizione alla gestione commercianti del socio amministratore, ritenendo che i presupposti richiesti per la sussistenza di tale obbligo fossero integrati dalla titolarità dell’impresa commerciale (quale socio amministratore) e dallo svolgimento di attività amministrative, senza alcuna rilevanza esimente della circostanza che tali attività venivano svolte con carattere sporadico.

DECISIONE DELLA CASSAZIONE


Riformando la decisione del giudice d’appello, la Corte di Cassazione ha chiarito che ai fini dell’iscrizione alla gestione commercianti del socio di società commerciali, è necessario che il socio stesso partecipi “personalmente al lavoro aziendale con carattere di abitualità e prevalenza.
Nel caso del socio amministratore, quindi, affinché siano integrati i presupposti per l’obbligo di iscrizione, non è sufficiente l’esercizio di un’attività di natura amministrativa e nemmeno di un’attività sporadica, essendo invece necessaria una partecipazione rilevante, in termini di tempo e di reddito, alla stessa attività operativa aziendale. A tal fine, peraltro, la partecipazione all’attività operativa aziendale va intesa in senso relativo e soggettivo, ossia avuto riguardo alle attività lavorative espletate dal soggetto considerato in seno alla stessa attività aziendale costituente l’oggetto sociale dell’impresa commerciale (al netto dell’attività esercitata in quanto amministratore), e non già in senso comparativo, con riferimento a tutti gli altri fattori produttivi (naturali, materiali e personali) dell’impresa.
In conclusione, se l’attività svolta dal socio amministratore di società commerciale è di natura esclusivamente amministrativa (consistente, come nel caso di specie, in verifiche periodiche ai negozi e nella raccolta delle bolle), oltretutto effettuata in modo saltuario, deve ritenersi escluso l’obbligo di contribuzione alla gestione commercianti.

Via libera per i primi 70 indici sintetici di affidabilità

L’Agenzia delle entrate con il provvedimento del 22 settembre 2017 n. 191552 ha inividuato i primi Isa (Indici sintetici di affidabilità) destinati a sostituire gli studi di settore di 1,4 milioni di contribuenti già nel 2018. I primi 70 Indici … [Continue reading]

SIA Aree Sisma: i chiarimenti dell’Inps

Il decreto 26 luglio 2017 ha definito le modalità di concessione del beneficio di cui all’art. 10, DL 9 febbraio 2017, n. 8, ovvero il c.d. SIA Aree Sisma. L’Inps, dopo aver fornito indicazioni operative relativamente alla disciplina di questa … [Continue reading]

Agevolazione prima casa: in comunione è salvo il beneficio senza cambio di residenza

L’agevolazione prima casa su immobile acquistato in comunione non decade se uno dei due coniuge non ha provveduto al trasferimento della residenza, nello stesso comune dell’immobile, entro il termine dei 18 mesi dalla data del rogito (Corte di … [Continue reading]

Trattamento speciale edile anche per i lavoratori licenziati dopo il 30 dicembre 2016

Sulla scorta del parere ministeriale, l’Inps fornisce nuove indicazioni in relazione alla spettanza del trattamento speciale di disoccupazione per l’edilizia di cui all’articolo 11 della L. n. 223/1991, per i lavoratori licenziati … [Continue reading]